Che riguarda l’essere. A partire da Heidegger, abbiamo la tendenza a usare “ontico” per gli esseri, gli esseri concreti, percepiti, determinati, e riserviamo “ontologico” all’Essere stesso.