Diffusa da Michel Foucault (Les mots et les choses/Le parole e le cose), l’épistèmè è la struttura prevalente del sapere in una data cultura in un dato momento, che è quindi socialmente costruita. Dando forma ai modi di pensare, l’épistèmè è per sua natura paradigmatica, cioè un modello coerente di un particolare modo di pensare, una visione del mondo che non è affatto universale. Individuarla significa che non dobbiamo necessariamente ripetere “ciò che viene detto”, che non dobbiamo limitarci a ciò che è “politicamente corretto” – in breve, che possiamo pensare oltre, pensare più avanti – se non semplicemente per iniziare a pensare.